Uno spazio virtuale dove le donne possono incontrare un loro cammino nel bosco della vita, oppure solamente sostare per rigenerare le proprie energie creative.

Benessere in gravidanza

La gravidanza è la condizione umana più straordinaria esistente in natura. Chi è madre lo sa. Però vorrei parlare a quelle donne che invece si accingono a vivere il più profondo cambiamento del loro corpo, della loro mente, e che lascerà indelebili tracce sulla propria pelle e sulla propria anima. La Gravidanza. In questo speciale momento, dove ogni energia è sprigionata all’ennesima potenza, dove ogni cellula è impegnata nella creazione della vita, è di fondamentale importanza concedersi del tempo per se stesse, per rilassarsi, meditare, abbandonarsi e lasciarsi il tempo semplicemente di respirare a fondo per rigenerarsi.

Ci prepariamo ad affrontare la prova più grande e più misteriosa, il giorno del parto, dopo un viaggio che è durato 9 mesi carico di attesa, di aspettative, desideri e timori, naturali ma profondi. Gli ormoni ci sostengono in questo processo di creazione, sostengono i nostri pensieri, che a volte si fanno malinconici, ci aiutano ad entrare in contatto con la vita dentro di noi, il nostro bambino, grazie alla spiccata sensibilità che emerge ogni settimana di più.

Non è questo il momento in cui fare esperimenti, di mettersi alla prova da un punto di vista fisico ed emotivo, ma il momento di consolidare le vecchie sane abitudini o di adottarne di nuove migliori, che ci possano donare benessere e serenità. Pertanto se non hai mai provato un percorso benessere prima di oggi, o se non hai mai ricevuto un massaggio prima, il mio consiglio è di non sperimentare una cosa nuova che agisce direttamente a livello del corpo e della mente in questo momento della tua vita.

Se sei già una felice frequentatrice di piscine, saune e centri benessere, allora questi suggerimenti per i 9 mesi possono fare al caso tuo. Ma prima vorrei farti capire il perché è così importante il mondo del benessere e come interagisce con il nostro corpo.

Questione di Pelle

La pelle è il nostro più grande organo di senso, svolge una funzione di rivestimento, protezione, comunicazione tra il nostro mondo e il mondo esterno ed è strettamente collegata al sistema nervoso centrale. A chi non è mai successo di ricevere la pelle D’oca se sfiorati inaspettatamente? Il muscolo orripilante (poverino così lo hanno chiamato) di ogni pelo infatti, ha una capacità contrattile che si innesca in base ad una sollecitazione nervosa (caldo o freddo, ma anche altre), e porta all’effetto della pelle d’oca.

Il sistema nervoso dunque possiede i suoi ricettori disseminati sull’intera superficie della nostra pelle. La pelle e il sistema nervoso, infatti, originano dallo stesso foglietto germinativo (ectoblastico) e si creano già nei primissimi giorni di vita intrauterina del feto, non appena iniziata la formazione delle varie strutture che costituiranno il futuro essere umano appena concepito.

Ed è per questo che per sempre e da sempre il contatto della nostra pelle, prima con la mamma, poi con il mondo esterno, da adulti con il partner, è l’organo che ci permette di vivere il piacere primario del contatto, agendo direttamente sul sistema nervoso con il quale in origine si è sviluppata.

Ogni carezza, ogni tocco, ogni esperienza vissuta con la pelle, viene immediatamente assimilata dal sistema nervoso e catalogata nel nostro cervello come esperienza positiva o negativa, in grado di agire profondamente sulla mente e le emozioni. Proprio per questo una piacevole esperienza di benessere tra acqua, tepore, morbidezza, freschezza e distensione in una SPA o durante un massaggio diventa così importante, soprattutto in gravidanza.